La nostra Associazione è fatta per i milanesi

La nostra Milano sta cambiando, non è più la città che, soprattutto noi che abbiamo una certa età, eravamo abituati a conoscere. I nostri concittadini sono di diverse razze, i nostri edifici puntano dritti al cielo, le grandi Holding arabe hanno comperato tanti dei nostri bei palazzi e i cinesi anche le squadre di calcio della città.
Una città multietnica ha da sempre  dei problemi, soprattutto nei momenti di crisi economica, quando è meta di una immigrazione selvaggia come quella che i nostri governanti hanno permesso, ma alla fine, quando le cose miglioreranno, la nostra diventerà una città ricca di molte culture, di molte nuove abitudine, di nuovi tipi di cibo e leccornie e anche di religioni diverse.

La trasformazione è in atto

Questa trasformazione non sarà facile,  la nostra Associazione cercherà di conservare  un angolo per noi milanesi, ricorderemo  tutte le tradizioni che abbiamo, i nostri cibi, i nostri usi e costumi e  la nostra grande storia, che non vogliamo vada smarrita o  fagocitata nella cultura di altri popoli. Anzi speriamo che la nostra storia venga assimilata ed apprezzata da chi ha scelto Milano per vivere la sua vita, magari venendo da altre culture e altre civiltà.

Il rispetto

per le nostre tradizioni è il nostro punto fermo, ma avremo anche un assoluto rispetto per le tradizioni degli altri e questo perchè conoscere è sempre un punto di forza.

Abbiamo creato  un sito commerciale che ci aiuterà a destreggiarci tra il vecchio e il nuovo.  Milanometropoli.com  darà visibilità a chi vorrà aderire alla nostra Associazione  e farà conoscere le vostre iniziative e le vostre attività e anche una rivista The Milaner, dove troverete notizie di attualità, ma anche molto altro.
Se siete interessati a rimanere milanesi, a conservare la vostra identità, aderite alla nostra Associazione e fateci compagnia, bastano 10 Euro/Anno, cliccate qui

Manuela Valletti

Le foto della Milano che abbiamo amato… tanto per capirci

Milano ora è bellissima, dopo l’expo è diventata anche una città turistica. Niente da dire.

Ma noi e molti come noi hanno del cuore la Milano degli anni 60/70, una città che ce la metteva tutta per risalire la china, aveva dato da lavorare a molta gente del sud (a proposito dell’immigrazione) gente che aveva voglia di lavorare e che lavorava all’Alfa Romeo, alla Magneti Marelli, alla Breda e alle molte altre fabbriche e fabbrichette che davano vivere ai milanesi (tutti i milanesi, anche quelli “ariosi”).

La Milano di oggi ha perso il cuore? Si, lo ha perso.

La Società è cambiata? Si, ma non solo a Milano

Sono tanti i motivi e noi ne parleremo, per ora vi presentiamo alcune foto d’epoca che ci stanno a cuore, seguiteci!

Ed ora parliamo della nostra Associazione…..